Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

difetto interventricolare: cateterismo cardiaco

Codice domanda: GG/2I40880

Domanda

Vorrei sapere quali sono i sintomi e i rischi per mio figlio al quale hanno riscontrato un difetto interventricolare muscolare apicale con un gradiente transventricolare di circa 50-60 mmHg senza ostacoli agli efflussi e con un diametro telediastolico del ventricolo di sinistra di circa 45mm. Ci hanno consigliato di effettuare un cateterismo cardiaco che mi lascia molto dubbiosa in quanto invasivo. Il ragazzo non ha mai avuto sintomi visibili. Grazie per l'attenzione. Daniela.

Risposta

Si definisce difetto interventricolare la presenza di una comunicazione a livello del setto tra le cavità ventricolari destra e sinistra. Con il termine “Difetto settale interventricolare tipo muscolare” (cha ha un’incidenza del 2-7%) si definisce quel difetto i cui bordi sono completamente muscolari; può essere unico o multiplo, e può essere localizzato in qualsiasi parte della porzione trabecolata del setto interventricolare; prende il nome dalla posizione che occupa nel setto: apicale, muscolare anteriore o mediomuscolare. I problemi determinati dalla presenza del difetto interventricolare sono in rapporto alle sue dimensioni e di conseguenza alla quantità di sangue che passa attraverso il difetto stesso. Un difetto è definito piccolo se le sue dimensioni sono inferiori a quelle della radice radice aortica), e offre quindi resistenze al passaggio di sangue (“restrittivo”). Se il difetto è restrittivo la pressione in arteria polmonare non può raggiungere livelli sistemici, lo shunt sx -dx è moderato, e in complesso il quadro emodinamico è molto simile a quello di un cuore normale. Un difetto è invece definito ampio o “non restrittivo”, quando, avendo come minimo le stesse dimensioni della radice aortica, non offre resistenze al flusso. Sarebbe importante conoscere le dimensioni del difetto, che in assenza di sintomi (suo figlio non ha mai avuto nessun disturbo) è verosilmente piccolo; in questo caso, non credo sia necessario il cateterismo cardiaco. Invece, se le dimensioni del difetto sono ampie, l’esame è indicato soprattutto per valutare l’eventuale indicazione alla correzione chirurgica.

A cura di Tuttocuore.it
Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

settembre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Mondiale dell'Alzheimer

L'Alzheimer è una patologia caratterizzata dalla degenerazione delle cellule del cervello. Si manifesta con [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Salute cardiovascolare Controllo della pressione sanguigna e [...]

Salute cardiovascolare

Punto di vista

Infarto: cosa fare? In caso di sospetto infarto acuto occorre fare [...]

Infarto: cosa fare?

Dossier