Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

ima: ripresa attività fisica

Codice domanda: 739NEC6WT3

Domanda

Ho 61 anni ed ho avuto un IMA(CX e CD esenti da lesioni significative.FE= 42% in dimissione)Non mi è stato fatto un elettrocardiogramma da sforzoperchè l'esito dello stesso ,non sarebbe stato veritiero. prendo una pilloladi Triatec 10mg la mattina-una di cardicor da 2,5mg. Apranzo cardioaspirina e la sera una di lacirex da 4mg -eskim ed una di totalip 10mgmomentaneamente sospesa (per dolori articolari).Attualmente ho iniziatoun'attività fisica-ciclette-con percorrenza dai 10/20 km.Alla fine dell'esercizio ho monitorato con lo strumento elettronico i poarametri presssori che si aggirano su 85/140 con battititi 60/70. Sono un ansioso.Vorrei sapewre qualw attività fisica ,oltre la ciclette, potrei svolgere con i parametri riportati e se le cure sono soddisfacenti,anche se accuso dolori articolari.Grazie

Risposta

Caro signore, non mi riferisce alcuni dettagli rilevanti rispetto il suo caso, ma provo a rispondere. Riprendere una continua attività fisica dopo un infarto è cosa doverosa, auspicabile, e sicuramente vantaggiosa in chi abbia sofferto di un attacco cardiaco coronario. Tuttavia va preceduto dalla esecuzione di un test ergometrico, che verifichi la risposta del suo organismo e dell’apparato cardiovascolare all’esercizio. Oltre la cyclette altri tipi di esercizio aerobico sono consigliati, come la corsa non strenua e comunque i tipi di sforzo non isometrici. L aterapia che sta assumendo è “standard” per il tripodi patologia da cui è affetto, ma se è adeguata o meno può dirlo solo lo Specialista chel’ha in cura.

A cura di Tuttocuore.it
Segnala il termine che stai cercando