Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

ipertensione arteriosa: farmaci

Codice domanda: DD/3M7509

Domanda

Da ottobre 2001 ho scoperto di essere iperteso. Quasi certamente trattasi di ipertensione essenziale. Per un anno ho assunto micardis 80mg. Per periodi di 2/3 mesi la pressione ha assunto valori normali, intervallati da bruschi abbassamenti (specie dopo sport praticati) o repentini innalzamenti a 160 di massima forse in coincidenza di problemi d'ansietà e preoccupazione. Ho cambiato medico che mi consiglia di ridurre la dose a micardis 40mg. a pranzo. Per 4 mesi tutto a posto, anzi d'estate ho dovuto ridurre la dose per un forte raffreddore che mi faceva scendere i valori pressori. Dimenticavo di dirvi che il primo cardiologo mi ha fatto l'ecocardiogrammma che mi ha rilevato un'ipertrofia ventricolare sinistra. Il secondo, un primario senza eco, ma solo con l'elettrocardiogramma rilevava tutto a posto senza accennare all'ipertrofia. Intanto ai primi d'ottobre 2002, forse per qualche problema di preoccupazioni e d'ansietà, accusavo alcuni dolorini alla parte sinistra del cuore. Marcavo ulteriopre visita dal primario che il 18 ottobre u.s. decideva d'intervenire sui battiti cardiaci che a suo dire erano troppo accentuati, così facendo forse avrei risolto il problema. Così mi ha prescritto un nuovo farmaco (credo della categoria beta bloccante) il Nabilox mg5, con la seguente posologia: un quarto per 15 g., metà per altri 15 giorni. Così ho fatto e la pressione massima non è mai scesa sotto i 142 e la minima 80/85, mentre con il micardis s'era stabilizzata a 70/75 (era la massima che tendeva più ad oscillare con puntate di minimo e massimo). Dieci giorni fa il secondo medico mi indicava di passare definitivamente a l'intera pillola di mg5 di nebilox. Intanto i miglioramenti non ci sono stati: la pressione è sempre la stessa con un quarto, metà dose od intera di 5mg di nebilox, ho perso il sonno notturno, la faccia sempre come un fuoco, pressione minima 80/85 max 142/152, mai sotto i 142, mentre prima con molta frequenza scendeva anche sotto i 120. In sintesi dopo 14 mesi non ho risolto il mio problema, resto confuso e disorientato, non sto bene ed accuso altri piccoli fastidi. Grazie per la vostra pazienza e spero che possiate aiutarmi.

Risposta

I valori di pressione che lei riferisce non debbono destare preoccupazione, mentre per ciò che riguarda gli effetti collaterali si può sostituire la terapia antiipertensiva, anche se è possibile che molti dei suoi fastidi siano legati all’ansia, che può curare rivolgendosi ad uno specialista neurologo.

Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

novembre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Nazionale sul Parkinson

Lentezza nei movimenti, rigidità muscolare, perdita di stabilità con conseguenti cadute: sono tra i [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Cuore sano Ridurre del 25% le morti premature legate [...]

Cuore sano

Punto di vista

Infarto: cosa fare? In caso di sospetto infarto acuto occorre fare [...]

Infarto: cosa fare?

Dossier