Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

esami di laboratorio: ldh

Codice domanda: GG/2L41974

Domanda

Chiedo gentilmente informazioni riguardo all'analisi del sangue con sigla LDH per la quale mi sono sottoposto a numerosi prelievi negli ultimi mesi, poiché improvvisamente e senza una ragione apparente il valore ha cominciato a salire in maniera considerevole fino ad arrivare a 1.087. Mi sono sottoposto ad altri vari e numerosi esami sia del sangue, che urine, TAC-visita cardiologica-urologia-pneumologia-reumatologia-ecografie varie e non mi sono stati riscontrati sintomi che possono dare risposta anche se ogni medico si è posto dei dubbi ma senza poter fare una diagnosi. Adesso sono preoccupato di sapere da cosa dipende questa analisi cosi sballata. Attendo cortesemente una rispèosta e cordialmente saluto.

Risposta

LDH (Lattico Deidrogenasi) è un enzima che aiuta a produrre energia utile per le cellule dell’organismo. E’ presente in quasi tutti i tessuti del corpo ed aumenta nel sangue in risposta ad un danno cellulare. I livelli di LDH sono misurati da un campione di sangue preso da una vena periferica. Esso può essere di aiuto nel fare diagnosi di attacco cardiaco, malattie polmonari, linfoma, anemia e malattie epatiche. Inoltre è di aiuto nel determinare quanto efficacemente stia agendo la chemioterapia durante un ciclo di terapia per linfoma. I livelli normali variano tra 45 Unità per litro a 90 Unità per litro, ma possono esserci anche altre unità di misura a seconda del laboratorio di analisi. Molti processi patologici e malattie possono determinare un aumento dei livelli di LDH. Pertanto sono solitamente necessari ulteriori accertamenti per confermare una diagnosi. La determinazione di LDH è particolarmente utile per diagnosticare un infarto del miocardio poiché questo enzima esiste in 5 forme strettamente correlate, ma lievemente differenti, dette isoenzimi. Il tipo 1 (17-27% del totale) ed il tipo 2 (27-37%) si trovano nel cuore e nei globuli rossi; il tipo 3 (18-25%) ed il tipo 4 (3-8%) si trovano in vari organi; il tipo 5 (0-5%) si trova nel fegato e nel muscolo scheletrico. Se si sospetta un attacco cardiaco, allora i livelli di LDH saranno ri-testati a 24 ed a 48 ore per monitorare le variazioni. Infatti in seguito ad un infarto miocardico i livelli sierici di LDH aumentano entro le 24-48 ore raggiungendo un picco in 2-3 giorni e ritornano normali in 5-10 giorni.

A cura di Fegato.com
Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

novembre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Mondiale del Diabete

Familiarità e cause ambientali, sono i principali fattori di rischio del diabete di tipo 1. Per il diabete di [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Epatite virale: l'esperto risponde L'epatite virale è una malattia infettiva [...]

Epatite virale: l'esperto risponde

Punto di vista