Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

leucoaraiosi:: presa in carico sistematica

Codice domanda: Q493P74J8J

Domanda

ho 30 anni.una volta ogni tanto avevo cefalee con aurea.visita neurologica e rnm.questo e' l'esito:in sede sovratentoriale minute areole iperintense nelle sequenze con TR lungo la sostanza bianca dei centri semiovali e sottili bande di iperintensita' di segnale riferibili a leucoariosi in contiguita' con il corno posteriore dei ventricoli laterali, in sede paratrigonale.mi sono spaventata molto.. il mio medico mi ha prescritto altri accertamenti ecocardiografia e colordoppler transcranicoche pero' faro' solo ad agosto.posso stare tranquilla fino ad allora ho devo accellerare i tempi?ho guardato in internet e al significato della parola leucoariosi mi sono bloccata!!!grazie!Sara

Risposta

La leucoaraiosi è un termine neuroradiologico, indicante una diminuita radiodensità della sostanza bianca cerebrale. Con l’avvento della RM, il termine è stato  applicato alle lesioni iperintense della stessa sostanza bianca. Neuropatologicamente corrisponde a una “leucoencefalopatia periventricolare”, caratterizzata microscopicamente da demielinizzazione, gliosi reattiva e arteriosclerosi. In genere è associata a lesioni ischemiche, che possono nell'anziano correlare clinicamente con deficit cognitivo  variabile. Fattori di rischio sono costituiti da età, ipertensione e pregressa storia di stroke. Va tuttavia tenuto presente il fatto che sono molte le patologie che possono dar luogo a una demielinizzazione multifocale o diffusa del cervello nell’adulto. Pertanto, ai fini di una definizione diagnostica è importante una presa in carico sistematica da uno specialista neurologo.

Dott. Pietro De Domenico
Pietro De Domenico

A cura di Paginemediche.it

Richiedi un consulto

Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

ottobre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Mondiale del Diabete

Familiarità e cause ambientali, sono i principali fattori di rischio del diabete di tipo 1. Per il diabete di [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Donne e ictus Diabete, terapie [...]

Donne e ictus

Punto di vista

Ritardatari cronici, ora c'è una spiegazione clinica Alcuni medici coniano la definizione di [...]

Ritardatari cronici, ora c'è una spiegazione clinica

Dossier