Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

emipiramidalismo: quasi un neologismo

Codice domanda: VA75PD2SMQ

Domanda

Salve vorrei avere maggiori informazioni riguardo l'EMIPIRAMIDALISMO DESTRO, vorrei sapere cos'è.Spero di ricevere risposta al piu prestoGrazie in anticipoAlessia

Risposta

Molti termini utilizzati nella pratica medica mi fanno un pò sghignazzare....

Allora, si definiscono "vie piramidali", le connessioni nervose che viaggiano dentro il midollo spinale, nate da una zona della corteccia cerebrale motoria (cosidetta area motoria primaria, o area prerolandica) e direttamente connesse con i neuroni del corno anteriore del midollo stesso, secondo un'organizzazione architettonica  molto precisa che noi definiamo "metamerica". Ora, quando queste vie vengono lesionate, indipendentemente dalla causa della lesione, si verificano una serie di fenomeni, che noi neurologi facciamo rientrare nel concetto di "sindrome piramidale". Dire "piramidalismo" è una tipica espressione italiota provincialotta, cioè il medico ha riscontrato (forse) alcuni segni caratteristici della "sindrome piramidale", però forse non è convinto, allora usa un eufemismo, quasi politichese, "piramidal-ismo". Siccome in genere le sindromi piramidali colpiscono solo un  lato del corpo, e dal greco "emi" vuol dire metà, emi-piramidalismo è un'aggiunta inutile, che però rende ancora più misteriosa la parola. Ha capito come si fa a diventare professori? (scherzo, naturalmente).

Non so ( non mi ha detto, ma immagino) in base a quali elementi è stata espressa questa parolaccia nei suoi confronti, io mi sarei ribellata facendo allusioni al mestiere della mamma di chi le ha scritte. A parte scherzi, se hanno scritto questo, verosimilmente qualche problemuccio l'hanno trovato. Mi sembra giusto che lei torni da loro per farsi riferire una diagnosi comprensibile a chi "parla come magna".

Saluti

Dott. Massimo Barrella
Policlinico Casilino, Servizio di Neurologia, Roma
Ospedale Sacco, Istituto di Endocrinologia, Milano
Rome American Hospital, Centro di Terapia delle Algodistrofie e Algie Croniche, Roma

A cura di Paginemediche.it

Richiedi un consulto

Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

novembre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza sulle Donne

C'è ancora molta strada da fare per eliminare i pregiudizi e la violenza nei confronti delle donne, sempre [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Donne e ictus Diabete, terapie [...]

Donne e ictus

Punto di vista

Ritardatari cronici, ora c'è una spiegazione clinica Alcuni medici coniano la definizione di [...]

Ritardatari cronici, ora c'è una spiegazione clinica

Dossier