Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

bambini distratti a scuola: ogni bambino ha i suoi tempi di maturazione

Codice domanda: HH/2N59844

Domanda

Ho un figlio di 12 anni che, fin da piccolo ha mostrato un attacamento morboso alla mamma, con conseguenza che con l'inserimento alla scuola materna si faceva venire la pancia gonfia di aria e di conseguenza dolori forti addominali. Vari ricoveri ospedalieri che, vari e approfonditi esami, tutti risultati negativi, la diagnosi è stata una terapia dalla psicologa per 3 anni (dall'ultimo anno di asilo fino alla seconda elementare)per far imparare al bambino, allora, che la mamma c'è ma devi dargli i suoi spazi. Inizio della prima elementare, il bambino bravissimo a scuola, ma lo faceva solo perchè sapeva che la mamma ci teneva che fosse bravo.Dalla seconda elementare il bambino sembra aver capito per cui non è più così attaccato alla mamma, ma purtroppo col tempo è diventato menefreghista, adesso che fà la seconda media bisogna costantemente stargli adosso per farlo studiare per fargli capire che è un suo dovere.Abbiamo adottato varie strategie, come non fargli vedere la televisione, levargli i giochi a cui ci tiene tanto tipo figurine, play station.Abbiamo provato anche a promettergli che se studiava gli avremmo comprato delle cose che voleva, incoraggiandolo quando portava bei voti, lodandolo quando si impegnava.Ma non è servito a granchè, bisogna stargli adosso continuamente e verificare che faccia i compiti come si deve, in genere funziona che i compiti li fà come vengono, che siano giusti o sbagliati se nè frega.Ha anche un'incontinenza notturna che non riusciamo a togliergli, anche dopo visite con specialisti, che, dopo vari consulti non hanno risolto il problema per cui, abbiamo lasciato cadere la cosa, ma il problema è rimasto. Abbiamo notato però che mandandolo questa estate in vacanza 10 giorni con l'oratorio (lui da solo senza genitori) non si è mai bagnato di notte, lui ci ha detto che alla sera non beveva così non si è mai bagnato. Parlando con le profesoresse a scuola dicono che il ragazzino stà attento solo quando ci sono argomenti che lo interessano, se l'argomento non lo interessa lui sta nel suo banco senza disturbare ma pensa a delle storie(gli piace inventare storie di fantasia con draghi, cavalieri e sempre di guerra).Abbiamo un'altra figlia che ha 8 anni in più rispetto al ragazzino, non abbiamo avuto questo tipo di problemi con lei. Ci dobbiamo prreoccupare? o dobbiamo aspettare i suoi tempi di maturità?Ringraziandovi anticipatamente per la risposta Vi porgiamo i nostri più cordiali saluti.Potete rispondermi alla mia casella di posta che è: luc210994@yahoo.it.

Risposta

gent.le sig.radirei che non c'è motivo di preoccupazione , i bambini hanno tempi di maturazione diversi che dipendono anche dagli stimoli che ricevono dalla scuola. se l'insegnante lo sa stimolare lui certamente si impegna e in classe sta attento.L'enuresi notturna, come lei stessa ha constatato, lui la sa controllare, se la sera beve poco, la notte non bagna il letto.Il fatto che inventi storie va bene, però se le faccia raccontare, le condivida con lui e a volte inventatele insieme.

Richiedi un consulto

Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

settembre 2014 in Salute

In primo piano:

Settimana di Prevenzione dell'Invecchiamento Mentale

L'iniziativa, giunta alla quinta edizione, è promossa da Assomensana - Associazione per lo sviluppo ed il [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

I terribili cinque anni Consapevolezza di sé più delineata e [...]

I terribili cinque anni

Punto di vista

Calo delle vaccinazioni pediatriche in Italia L’allarme dei pediatri e del Ministero della [...]

Calo delle vaccinazioni pediatriche in Italia

Dossier

Dolore e febbre nel bambino: nessun rischio con il paracetamolo Le indicazioni AIFA per il corretto uso del [...]

Dolore e febbre nel bambino: nessun rischio con il paracetamolo