Esperto risponde – paginemediche.it: parere medico, consulenza onlineespertorisponde.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking

problema generico: ginnastica posturale

Codice domanda: 67G43SXRTL

Domanda

gentile dottore, la ringrazio in anticipo sulla sua risposta, ho 61 anni, e bene o male ormai da tantissimi anni convivo con mal di schiena e sofferenza allo sciatico di sinistra che si manifesta anche quando vado a spasso nonostante il busto ortopedico ho fatto le solite cure con antidolorifici e miorilassanti e fino a un anno fa tamponavo con infiltrazioni presso un centro ospedaliero di terapia del dolore, vengo ad elencare la mia situazione con RMN del 21/12/2009.RM RACHIDE CERVICALEEsameeseguito in tecnica TSE e FFE mediante scansione T1 e T2 pesate condotte sui piani assiali e sagittale. In C3-C4; protrusione discale mediana che si porta in appoggio sulla corda midollare.In C4-C5; protrusione discale che in sede mediana determina la riduzione dello spazio adiposo epimidollare anteriore.In C5-C6; protrusione discale che determina la riduzione dello spazio adiposo epimidollare anteriore.In C6-C7; protrusione discale che in sede paramediana sinistra connotazione erniaria,entrando in conflitto meccanico nei confronti della radice spinale emergente omolaterale.Ai restanti livelli esplorati il compartimento disco-ligamentoso intersomatico non mostra immagini da riferire a conflitti meccanici nei confronti delle strutture meningo-neurali contigue.Regolare morfovolumetria ed intensità di segnale del tratto esplorato della corda midollare.Segni di cervicoartrosi intersomatica ed interapofisaria.RM RACHIDE LOMBOSACRALEEsame eseguito in tecnica TSE mediante scansioni T1 e T2 pesate condotte sui piani assiali e sagittale.Nelle condizioni di scarico funzionale nelle quali è condotta l'indagine si apprezza l'appianamento della fisiologica lordosi lombare e consensuale curvatura scoliotica lombare sinistro-convessa.In L2-L3; protrusione discale che in sede paramediana sinistra si porta in appoggio sul sacco durale, determinandovi lieve impronta.In L3-L4; protrusione discale ad ampio raggio che oblitera lo spazio adiposo epidurale anteriore e che riduce la porzione caudale dei forami di coniugazione.In L4-L5; esiti di pregresso accesso chirurgico di laminectomia destra. Evidente riduzione in ampiezza dello spazio intersomatico. Il residuo discale mostra collasso circonferenziale che in sede mediana-paramediana destra assume connotazione di franca erniazione, improntando il sacco durale e portandosi in contiguità con la radice spinale L5 emergente, e che impegna caudalmente i forami di coniugazione.In L5-S1; lieve riduzione in ampiezza dello spazio intersomatico in corrispondenza del versante posteriore, con associata protrusione discale che in sede intraforaminale sinistra assume connotazione erniaria, entrando in conflitto meccanico nei confronti della radice spinale L5 passante.Ai livelli descritti il tessuto discale appare ipointenso in T2 per fenomeni degenerativi.Ai restanti livelli esplorati il compartimento disco-ligamentoso intersomatico, pur alterato in senso degenerativo, non mostra immagini da riferire a conflitti meccanici nei confronti delle strutture meningo-neurali contigue.Regolare morfovolumetria ed intensità di segnale del cono midollare e della cauda.Apprezzabili e diffusi segni di spondilosi intersomatica ed interapofisaria.In Data 16.04.2013 eseguito esame RX Bacino il cui referto è:Non lesioni osse strutturali a carico del bacino e del sacro all'esame standard.Asimmetria del piatto sacrale con scoliosi sn lombare.Coxo-artrosi bilaterale con prevalenti fenomeni di osteosclerosi in corrispondenza dei cigli cotiloidei.Ridotti gli spazi articolari.che fare dai sintomi dolorosi sempre più frequenti direi che non è una bella situazione, rimango in attesa e la ringrazio in anticipo della sua risposta cordiali saluti.

Risposta

Mi sembra che il suo problema sia generalizzato. Io riterrei più produttivo un trattamento con ginnastica posturale.

Prof. Sandro Rossetti
Specialista in Ortopedia e traumatologia e Medicina dello Sport

A cura di Paginemediche.it

Richiedi un consulto

Segnala il termine che stai cercando
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it

novembre 2014 in Salute

In primo piano:

Giornata Internazionale per l'Eliminazione della Violenza sulle Donne

C'è ancora molta strada da fare per eliminare i pregiudizi e la violenza nei confronti delle donne, sempre [...]

L
M
M
G
V
S
D

Magazine

Focus on

Fratture ossee Le fratture ossee possono [...]

Fratture ossee

Punto di vista